© 2023 by Progotan®

tango e dintorni

Molto più di un ballo

Con il primo Congresso Internazionale di tangoterapia, tenutosi in Argentina nel 2008, se ne evidenzia, inoltre, il potenziale ed effettivo contributo terapeutico, inteso sia come strumento per ritrovare l’equilibrio, serenità, consapevolezza, sia come trattamento vero e proprio di vere patologie.


L’idea di utilizzare il tango come risorsa terapeutica nasce dall'ipotesi che la multidimensionalità di questa esperienza offra efficaci metafore e strumenti di cui avvalersi in un percorso di psicologico di consapevolezza e di riabilitazione. Questa idea, nel tempo, è cresciuta grazie allo sviluppo di ricerche empiriche sugli effetti positivi del tango in diverse aree di trattamento, contemporaneamente all’emergere di approcci terapeutici in questo ambito.

 

Ciò che viene riconosciuto come elemento di specificità di questa risorsa, tra tutte le terapie alternative sonore, è il suo potenziale di realizzare un incontro autentico tra soggettività che hanno l’opportunità di sperimentare un senso di integrazione e di completezza, pur mantenendo la propria diversità.


Il tango rende disponibili una serie di “specchi” con cui confrontarsi, utili sentinelle per rivelare o migliorare la comprensione della nostra capacità di gestire l’equilibrio e la giusta distanza nel contatto con l'altro e con l’ambiente.


Il gioco di equilibri nell’incontro con l’altro è il risultato tanto di consapevolezza del proprio corpo, delle proprie rappresentazioni ed emozioni, quanto di una consapevolezza di sé nella relazione con gli altri, dove l’empatia gioca un ruolo fondamentale.


Il tema dell’equilibrio è uno degli aspetti fondamentali del tango e presuppone continuamente la dimensione dell’ascolto, del confronto, del rispetto, senza le quali non si potrebbe accedere ad un percorso di crescita

Ecco di seguito alcune informazioni sui modelli di procedura sui quali stiamo lavorando: