IL PAZIENTE AL CENTRO

IL METODO

Il programma completo, in modalità on-line, prevede la presa in carico della persona con Parkinson per la durata di circa 10 mesi.

 

Il primo passo è la valutazione individuale da parte della fisioterapista e della psicologa, che elaboreranno un programma riabilitativo personalizzato, scegliendo le discipline più idonee alla persona e alla sua condizione con tre livelli di intensità​.

Scarica volantino completo

linkedin_heros_seniorblog6_edited.jpg
progotan riabilitazione fisica complementare
IMG_20210628_092457_edited.jpg

IL MEGLIO DELLA PRESENZA E DELL'ON-LINE FUSI IN UN'UNICO METODO

MODALITÀ FUSION

Dopo un anno e mezzo di pandemia abbiamo imparato a servirci della tecnologia per poter continuare ad avere cura di noi! Con la modalità FUSION è possibile non rinunciare a nulla, usufruendo delle più recenti evidenze scientifiche nella riabilitazione tradizionale delle persone con il Parkinson attraverso le nuove discipline.

Come funziona FUSION:
un operatore, attivo presso la sede dell’Associazione, si collega on-line con gli operatori che erogano le sessioni delle diverse discipline, che saranno visibili ai partecipanti attraverso un grande schermo.


Mentre l‛operatore on-line mostra gli esercizi, interagendo con i pazineti tramite lo schermo, l’operatore in presenza verifica che le attività vengano svolte in sicurezza e nel modo corretto, garantendo le correzioni e personalizzazioni dei movimenti adattandoli ai partecipanti presenti.

LOGO.png
GLI STRUMENTI DI LAVORO

IL TAPPETO

Tappeto antiscivolo per esercizi

Abbiamo pensato gli esercizi basandoci su uno schema geometrico, e abbiamo realizzato un tappeto con una grafica studiata appositamente per aiutare l'utilizzatore nella memorizzazione delle sequenze e per la eventuale verifica dei risultati da parte degli operatori.

Il tappeto è uno strumento consigliato, ma opzionale, che può essere utilizzato per l'esecuzione degli esercizi in sicurezza grazie alla sua superficie antiscivolo.

WhatsApp%2520Image%25202020-10-30%2520at%252007_edited_edited.jpg
 
 
 
PROGOTAN-riabilitazione-parkinson-online

LA NOSTRA FORZA:
L'INTERDISCIPLINARIETÀ

L'interdisciplinarietà non si accontenta di giustapporre temi diversi, ma fa interagire più discipline nello studio di un percorso di riabilitazione, di un paziente.

Si utilizzano concetti e principi in varie discipline combinandoli tra di loro. I vantaggi sono la variegata conoscenza che si acquisisce e le relazioni logiche che si sviluppano scompone le discipline; esso permette il trasferimento di tecniche apprese da una disciplina all’altra.

A nostro avviso questo è il metodo più efficace per una patologia complessa come il Parkinson.

 
 

FISIOTERAPIA

Con il percorso di Fisioterapia ogni lezione lavoriamo per aiutare i vari sistemi e apparati a funzionare al meglio con esercizi per Sistema Respiratorio l’Apparato Muscolo-Scheletrico il Sistema nervoso, il Sistema CardioCircolatorio! 


Inoltre andremo a lavorare nello specifico sul movimento per migliorare skill presenti nelle persone con malattia di Parkinson bradicinesia coordinazione cammino per aiutarle ad affrontare al meglio la vita di tutti i giorni.

progotan-team-_0002_milena.png

Dott.ssa Milena Guizzetti

fisioterapista,

operatore Physio e Fit

Fisioterapia anziano
Image by Morgan Housel

ATTIVAMENTE

Consiste nell'esecuzione di esercizi volti alla riattivazione e alla stimolazione di specifiche funzioni cognitive, quali la memoria, il linguaggio, il ragionamento e l'attenzione.

 

Possiamo pensare al stimolazione cognitiva come ad una palestra per la mente: gli esercizi proposti si rivolgono sia il potenziamento delle funzioni cognitive compromesse sia al mantenimento delle capacità mentali ancora integre.

 

Una ginnastica per la mente per favorire il mantenimento o il raggiungimento del miglior livello possibile di una funzionalità psicologica, fisica e sociale.

pp.jpg

Dott.ssa Silvia Nezosi

psicologa 

 

TERAPIA OCCUPAZIONALE

La Terapia Occupazionale si occupa di valutare i pazienti nelle loro attività quotidiane, in modo da suggerire le strategie che permettano loro di essere il più possibile autosufficienti, nonchè di adattare l'ambiente in cui vivono al progredire della malattia.

La Terapia occupazionale sta diventando sempre più importante all'interno del team sanitario multidisciplinare nella gestione delle persone con malattia di Parkinson.

Immagine 2021-12-09 082136.jpg

Dott.ssa Francesca Sanna

Terapista occupazionale - Ergoterapista

La-domanda_edited.jpg
 
Image by Monika Grabkowska

EDUCAZIONE ALIMENTAZIONE

A pranzo con un biologo nutrizionista! Paola si occupa del benessere dei pazienti lavorando sull'aspetto nutrizionale, gastrointestinale e di integrazione naturale.

 

Un buon piano alimentare è efficace se sono presi in considerazione gli aspetti fisiologici, patologici, psicologici e comportamentali della singola persona. I suoi suggerimenti saranno preziosi spunti per stare bene anche attraverso l’alimentazione!

progotan-team-_0001_paola.png

Dott.ssa Maria Paola Zampella

biologa nutrizionista 

 

TAI CHI

Il taiji è meditazione, movimento e arte marziale, bilancia mente e sistema nervoso. Riduce lo stress e rinforza il sistema motorio.

 

I movimenti lenti e controllati di questa disciplina migliorano la stabilità e l’equilibrio dei persone affette dal Parkison aiutandoli ad avere un’andatura più sicura e passi più lunghi.

progotan-team-_0006_eliane.png

Eliane Orselli,

operatore Tai Chi

Image by Thao Le Hoang
 
Image by Cathryn Lavery

GRAPHOS

Se la scrittura non è più quella di un tempo possiamo intraprendere un processo di riprogrammazione motoria attraverso la rieducazione del gesto.

 

L’esercizio terapeutico assumerà il valore di esperienza e l’apprendimento per imitazione, che facilita la comprensione dell’atto da parte dell’osservatore, farà sì che la familiarità del gesto proposto ne induca l’esecuzione.

 

Quindi l’agire diventa il prototipo dello schema d’azione e l’esperienza, che consolida l’apprendimento del gesto, consentirà maggior efficacia e pertinenza dello stesso.

Immagine 2021-12-09 082136.jpg

Dott.ssa Francesca Sanna

Terapista occupazionale - Ergoterapista

 
 

LOGOPEDIA

Nel Parkinson poniamo al centro la prevenzione e la terapia della disartria e dei disturbi della deglutizione. Analogamente alla scrittura, spesso anche la voce e l’articolazione fonemica perdono forma e qualità.

Di conseguenza, i pazienti evitano vieppiù le conversazioni, rifuggono il contatto con gli altri e fanno a meno di telefonare. Per paura di non articolare bene le parole e di non essere capiti, si isolano sempre più.

 

Una voce udibile e una dizione migliore rendono automaticamente più sicuri di sé e più socievoli. La logopedia può restituire – o meglio ancora preservare – un bel po‘ di qualità di vita.

Giacomo.jpeg

Dott. Giacomo Spada

logopedista

Image by Simon Rae

YOGA

Gli strumenti dello Yoga, nel caso di malattia di Parkinson, sono particolarmente utili per la stabilizzazione del corpo, per scoraggiare la tendenza all'ipercifosi aumentando la flessibilità generale della colonna, per promuovere uno stato di rilassamento prevenendo o alleviando eventuali stati depressivi.

 

Sono previsti tre livelli: yoga easy, programma completamente da seduti, yoga medium in cui i movimenti verranno svolti soprattutto con l’ausilio della sedia, yoga active in cui sarà predominante la posizione eretta con maggior impegno fisico; entrambi i livelli oltre ai movimenti vedranno alternarsi pratiche di respirazione, di rilassamento e di visualizzazione.

progotan-team-_0009_viola.png

Viola Emanuelli,

insegnante di yoga 

 

FISIOFIT

All'interno del corso Fit ci divertiremo allenandoci con movimenti specifici per il Parkinson, a tempo di musica!

Miglioreremo ritmo, coordinazione, mobilità ed equilibrio!!

progotan-team-_0002_milena.png

Dott.ssa Milena Guizzetti

fisioterapista,

operatore Physio e Fit

online-dancing-1591197885.jpg
 
Addiction_edited.jpg

ARTETERAPIA

Diversi studi dimostrano quanto l’arte sia uno strumento valido nel miglioramento delle condizioni motorie. In particolare, uno studio su Parkinsonism and Related Disorders dimostra come osservare e comporre opere d’arte rallenti la perdita di coordinazione e migliori le capacità visive.

L’arteterapia non comporta esclusivamente il miglioramento della coordinazione oculo-motoria o oculo-manuale, ma ha effetti positivi anche sull’umore, andando a contrastare gli effetti che la malattia ha a livello psicologico.

progotan-team-_0006_eliane.png

Eliane Orselli,

operatore arte-terapeuta

 
 

TANGO+

Il tango rafforza la consapevolezza del proprio equilibrio, del proprio peso, del coordinamento, del proprio corpo e il loro relativo spostamento nello spazio. 

La particolarità del tango argentino è soprattutto il fatto di essere l’unica danza a non avere un passo base su cui si poggia: in questo modo obbliga le persone a immaginare, preparare, comunicare e infine eseguire ogni passo o figura, questo attivando nuovi percorsi neuronali, aggirando le parti del cervello colpite dalla patologia.

 

Intregra inoltre attività riprese da altre discipline come il nordic walking lo yoga e il tai chi utilizzando il tango argentino e la musica come elemento legante e portante.

progotan-team-_0013_giuseppe.png

Giuseppe Sarcinella, fondatore Progotan, operatore tango e insegnante nordic walking

progotan-team-_0000_elvira.png

Elvira Pezzotti,

operatore tango

tango_dance_smile_by_aspetmanukyan_d59il
exercising-with-dumbells-at-gym-royalty-free-image-119386469-1556829084.jpg

BODYWORK

La mobilità articolare e la forza muscolare diminuiscono con il trascorrere del tempo e con l'inattività, ripristinarle è nostro compito.


L'attività funzionale è mirata al ristrutturare  movimenti di vita quotidiana rendendoli più semplici ed accessibili, andando a migliorare l'apparato muscolo-scheletrico attraverso l'uso di esercizi specifici che stimolano la persona nella sua totalità, quindi sia mente che corpo.

Martina_edited.jpg

Dott.essa Martina Panaccione,

scienze motorie, operatore graphos 

 

BITBODY

Questa è un nuova iniziativa Progotan, dove la musica, il ritmo e il corpo diventano protagonisti.

 

Bodybit un metodo di stimolazione cognitiva, socio—emotiva, psicomotoria e neuroriabilitativa e si cerca Io sviluppo delle funzione esecutive, dell'attenzione, della memoria e della concentrazione, stimolando tutti i lobi del cervello e sviluppando contemporaneamente l’indipendenza degli arti inferiori da quelli superiori e dalla verbalizzazione

l ritmo delle note musicali permette alle persone di ritrovare un passo simmetrico e il senso dell’equilibrio.

 

Tutto ciò avviene in modo che il segnale uditivo trasmesso dal battito ritmico sia interpretato dal cervello ed elaborato in modo da anticipare il tempo musicale e regolare i passi

WhatsApp Image 2021-09-11 at 15.50.12.jpeg

Andrea Pedrotti, musicoterapeuta

 
IMG_5490-photo.jpg

ARTE in DANZA

L'attivita proposta vedrà intrecciarsi due diverse arti: l'arte figurativa attiverà, ispirerà e condurrà verso l'arte coreutica.

 

Attraverso l'osservazione delle immagini di opere d'arte, infatti, si andrà alla ricerca del movimento o dei principi di movimento in essa contenuti, facendo sì che l'opera stessa sia più che osservata, incorporata dallo spettatore, inglobata, vissuta attraverso i 5 sensi.

 

Come si muove la linea sulla tela, come dilaga il colore sulle superfici, come agisce la luce nel modellare gli spazi, come si attivano i neuroni a specchio, così verrà condotto il corpo in un viaggio motorio, alla ricerca della libera creatività espressiva. 

Teresa_edited.jpg

Teresa Rospetti, danzatrice e insegnante di danza e coreografa

 
 

NOI CAREGIVER

Uno spazio dedicato ai pazienti e ai caregiver, fatto da pazienti e caregiver. Un momento dove il focus è su chi si prende cura e sulle sue necessità e i relativi punti d'incontro con gli assistiti. Inoltre gli incontri settimanali vedranno l’alternarsi di varie discipline per poter prendersi cura di sè da tutti i punti di vista.

DOMENICA INSIEME

Uno spazio per tutti, per passare una domenica diversa in compagnia, all'insegna della condivisione e dell'allegria... Cucineremo assieme, giocheremo al bingo, ascolteremo musica, faremo attività, ma soprattutto ci saranno i vostri sorrisi e quelli dei nostri operatori.